Analisi prevenute.

Fonte.

Insegnamento Informatica a partire dalle scuole medie e diffusione Open Source nelle PA

Vote 5 Voti

Il mondo come lo conoscevano i nostri padri e madri (io sono nato nel 1975, mio padre è del 36 e mia madre del 37) non esiste più. Loro usavano il grammofono o il mangiadischi, noi usiamo l’iPhone o il lettore mp3. Loro usavano la calcolatrice a manovella, la carta copaitiva o il ciclostile, l’encicloepdia in 40 volumi, noi usiamo il computer e internet. Due proposte. Una “per i nostri figli” e una “per noi” Proposta UNO: Ritengo sia d’obbligo l’insegnamento, a partire dalla scuola media fino al termine del percorso scolastico obbligatorio, dell’informatica, con una ovvia strutturazione in base alle capacità medie di apprendimento relative alla fascia di età. Per fare un esempio banale. Prima media: cos’è un computer, a cosa serve, come è corretto usarlo e come è scorretto, come funziona in generale (i vari programmi di scrittura, di calcolo, per fare immagini e suoni eccetera) visti in modo generale e con esercizi pratici (esempio: copiatura di un testo in un Word Processor, semplici calcoli matematici in un Foglio di Calcolo, semplici disegni in un editor grafico eccetera). Il tutto accompagnato da sessioni ludiche. Seconda media: Internet e la rete. Cos’è, come si usa, come si cercano informazioni e come ci si protegge …. ultimo anno delle scuole superiori: concetti di programmazione, infrastrutture di rete, server, client… Il tutto ovviamente sempre e comunque in via generica. Ritengo altresì indispensabile slegare questa nuova materia da un sistema operativo a pagamento (Windows) e puntare su un sistema Open Source (Linux) in modo da abituare lo studente al concetto che non tutto è a pagamento e che esistono sempre alternative che possono far risparmiare. Proposta DUE: Riguardo l’Open Source in via più amplia ritengo sia assolutamente necessario obbligare le PA all’adozione di sistemi Open di alta qualità e affidabilità (es. Debian o Red Hat per i vari server e Ubuntu/Kubuntu per i client) al fine di risparmiare tonnellate di denari pubblici. Faccio il consulente informatico e mi intendo abbastanza di questi aspetti. In via generale un singolo comune che amministra 1000 cittadini ha a disposizione almeno 5 Pc e un server per l’immagazzinamento dei dati. 5 licenze Windows Client (Windows Vista Professional o 7 professional, dato che XP uscirà tra brevissimo dalla commercializzazione e dagli aggiornamenti di sicurezza) costano al pubblico 329 € versione completa e 299 € versione aggiornamento. In bundle col Pc il loro costo effettivo scende a circa 100 € (inglobato nel costo del Pc). Immagino che per le PA ci sia uno sconto e quindi ipotizziamo costi solo 10€ a Pc. In aggiunta ci sono i costi di antivirus, antispam, programmi di produttività (Word, Excel eccetera), programmi di backup, firewalls software eccetera. Totale = circa 500 € annui per Pc + circa 4000 € annui per server = 6500 € annui per 5 pc e un server. Con soluzioni Open Source il costo diventa zero. E abbiamo visto il costo per un comune piccolo! I comuni di circa 1000 abitanti quanti sono? 10.000?5.000?1.000? Facciamo 500? Costo totale = circa 6.500 * 500 = 3.250.000 € annui risparmiati (e siamo stati stretti, analizzando soloo i costi dei Municipi!!) L’analisi è più approfondita e approfondibile e non è il caso di farla qui, ma la mia disponibilità e quella dei miei soci è totale per appunto approfondire questi aspetti. Ps. non ho trovato una categoria adatta e ho inserito in “Commercio”. Mi scuso di questo.


Il risparmio non è veritiero, già a partire dalla considerazione che un sistema chiuso, anche se più caro, riduce la manutenzione al solo malfunzionamento dei programmi software installati e dei dispositivi di input/output aggiunti. L’Open Source necessita di utenti molto più esperti poiché a questi ultimi sarà richiesto di effettuare anche manutenzione software sul sistema operativo. è ovvio e banale che il costo di sistemi open source è basso dal momento che gli addetti software sono pagati ben al di sotto delle reali capacità richieste per mantenere efficienti tali sistemi.

Analisi prevenute.ultima modifica: 2010-10-01T08:04:00+02:00da blog2blog
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento