Abiti nuovi non è sinonimo di abiti puliti

Fonte.

Capi d’abbigliamento nuovi? Sporchi come fossero usati!

A cura de Il Pensiero Scientifico Editore
20/01/2010 17.56.00

Quando si acquista un capo d’abbigliamento nuovo, si crede che sia pulito. Niente di più sbagliato. Una trasmissione televisiva Usa ha scoperto in vestiti appena usciti dalla boutique una popolazione assai numerosa di germi. Lo rivela ABC News.

Troppo spesso si trascura il fatto che i vestiti vengono provati o addirittura acquistati, portati a casa e restituiti qualche giorno dopo per il cambio. “Quando c’è un cartellino attaccato, la gente crede che un vestito sia immacolato”, spiega Tori Patrick, una negoziante statunitense. “Ma non sai mai dove è stato quel vestito”.

Lo staff della popolare trasmissione tv “Good Morning America” ha fatto analizzare una serie di capi d’abbigliamento (maglieria intima, pantaloni, maglioni) in vendita presso tre frequentatissime catene commerciali dallo staff della Division of Microbiology and Immunology della New York University coordinato da Philip Tierno.

I risultati? Inquietanti. Su alcune maglie sono stati ritrovati batteri provenienti da secrezioni respiratorie (tosse e starnuti), flora batterica tipica dell’epidermide, batteri fecali. Su una camicia di seta sono state ritrovate tracce di flora batterica vaginale e lieviti.

La carica batterica riscontrata in alcuni capi d’abbigliamento si è rivelata decisamente superiore alla media: “E alcuni di questi germi possono sopravvivere per settimane o mesi”, avverte Tierno.

Fonte: Canning A, McHugh R. How clean are your new clothes? Find out. ABC News 07/01/2010.

La sana abitudine delle nonne che lavavano qualsiasi capo d’abbigliamento prima di indossarlo. Che stupidità pensare che il capo d’abbigliamento si deteriori al primo lavaggio…


Vai alla Homepage


Abiti nuovi non è sinonimo di abiti pulitiultima modifica: 2010-01-21T15:02:00+01:00da blog2blog
Reposta per primo quest’articolo

Un pensiero su “Abiti nuovi non è sinonimo di abiti puliti

Lascia un commento