Molestie, da quando hanno un colore?

Fonte.
metro_milano--200x150.jpg“Farò richiesta direttamente al presidente della Metropolitana Milanese”

Proposta-provocazione della Lega: vagoni riservati alle donne e ai milanesi

Il deputato del Carroccio Salvini all’Adnkronos: “Chiederemo formalmente che vengano destinati dei posti solo alle donne, viste le centinaia di denunce per molestia”. E poi “è evidente che dobbiamo avere un occhio di riguardo per quella minoranza che si comporta bene, che sono i milanesi”.

ultimo aggiornamento: 07 maggio, ore 19:08

Milano, 7 mag. – (Adnkronos) – “Chiederemo formalmente al presidente della Metropolitana Milanese che i primi due vagoni dei convogli siano riservati alle donne, giovani o anziane, italiane o straniere. Questo perché ci sono state centinaia di denuncia per molestie e per disturbo”. Matteo Salvini, deputato della Lega Nord e leader milanese del partito di Umberto Bossi, fornisce così, all’ADNKRONOS, la sua “interpretazione autentica su quanto detto in relazione a vagoni riservati sulla metropolitana di Milano”.


La storia insegna che spuntano periodicamente individui che si reputano indenni da difetti, additando i propri lati negativi ad altri…a patto che ci insegnino la storia a scuola. Se dopo tre cicli di storia -cinque anni di elementari, tre anni di medie, cinque anni di superiori, tralasciando gli studi universitari- come materia di studio, rimangono solo date e nomi e non personalità storiche, raffronti critici e verità nascoste dai vincitori di ogni epoca storica, il risultato è questo.

Da quando le molestie hanno un colore? Da quando si fanno risalire a motivi genetici?

Pagare il biglietto non significa comportarsi bene. Forse si vuole negare che il truffatore si veste di tutto punto per abbindolare la persone? Si vuole forse dire che il diavolo si presenta con le corda e con la coda e non faccia il possibile per nascondersele? Ovvio, abituati come siamo a vedere solo le apparenze nelle persone.

Che cosa vuol dire i primi due vagoni dei convogli siano riservati alle donne, giovani o anziane, italiane o straniere: Che chi, magari arrivando appena in tempo in metropolitana non possa salire perché come individuo da proteggere deve andare nei primi due vagoni e che se non la fa peggio per lui? La legge è uguale per tutti e garantisce nei limiti che puòecco come potenziare!– uguale protezione ai diritti di ciascuno senza distinzione del colore della pelle.


La Costituzione Italiana.

Art. 3.

Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali.

È compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale, che, limitando di fatto la libertà e l’eguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana e l’effettiva partecipazione di tutti i lavoratori all’organizzazione politica, economica e sociale del Paese.


Infatti, è compito della Repubblica e non dei singoli interventi dei cittadini, come ronde o simili.


C’è poi una minoranza che si comporta bene e che paga il biglietto, quella minoranza è rappresentata dai milanesi. E’ evidente che dobbiamo avere un occhio di riguardo per loro. La mia è una provocazione, ma è chiaro che questa minoranza di persone che si comportano bene deve essere tutelata”, conclude Matteo Salvini.


Non ci è dato di sapere quale sia la soluzione al problema dietro la provocazione. Problema dilagante o semplicemente più alla luce grazie ai mezzi di comunicazione?
E’ la solita malattia della memoria corta. Prima dell’ingresso di stranieri molestie e stupri non esistevano?

Molestia s. f.
1 fastidio, disagio che disturba o irrita: la molestia delle zanzare, dei rumori, del caldo eccessivo; recare, procurare, arrecare molestia
2 azione molesta: sopportare le altrui molestie | (dir.) comportamento che limita o impedisce ingiustificatamente l’esercizio dei diritti altrui.

Molestie, da quando hanno un colore?ultima modifica: 2009-05-08T08:42:00+02:00da blog2blog
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento