A breve il primo aiuto concreto da staminali.

Fonte.

» 2009-03-23 13:31
Staminali: piano per produrre sangue
Scienziati britannici sperano di avere risultati in tre anni
sangue_sintetico-e3e8d9f9ef5b9d0bbba947d1345b0115.jpg (ANSA) – ROMA, 22 MAR – Ricercatori britannici ritengono di poter arrivare in breve alla produzione di quantita’ illimitate di sangue umano, ricavato da staminali. Lo scrive l’Indipendent online, spiegando che una ricerca su piu’ vasta scala dovrebbe essere annunciata in settimana e dovrebbe portare entro tre anni al primo ‘sangue sintetico’. Si faranno test su embrioni alla ricerca di quelli predisposti per svilupparsi nel gruppo ‘0-negativo’, il piu’ raro, ma anche quello compatibile con ogni altro gruppo.

Sembra proprio che la morale sia destinata a essere terreno di scontro, soprattutto se il niet che viene dalle autorità religiose a impedire pasticci con gli embrioni oggi è talmente radicato da non lasciare spazio ad alcun tipo di ricerca medica sull’argomento.

Eppure la necessità, sempre urgente, di sangue ha avuto i suoi alti e bassi soprattutto per quanto è accaduto nel passato -e sempre in agguato dietro l’angolo ancora oggi, anche se non è più ritenuta una notizia allarmante riscontrare sangue infetto- a chi si è trovato a dover accettare sangue da donatori per riuscire a guarire: sangue che, alcune volte, ha portato lo stesso paziente verso morte sicura a causa dei mancati controlli sulla salute dei donatori.

La notizia ANSA fa ben sperare, ma occorre lavorare per effettuare test sugli embrioni, argomento molto scottante. Se oggi ci si trova a dire no a questo tipo di sperimentazione, come si metterà la morale tra un trienno quando la ricerca, che inizia oggi, riuscirà vittoriosamente a produrre quantità illimitate di sangue e ad affermare che tutti ne potranno usufruire per curarsi?

Chissà se tale via potrà essere perseguita utilizzando le cellule bambine, senza toccare gli embrioni?

A breve il primo aiuto concreto da staminali.ultima modifica: 2009-03-23T16:08:00+01:00da blog2blog
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento