Medicina italiana all’avanguardia ma…

Fonte.

» 2009-01-26 13:14
Nuova risonanza per rischio ictus
E’ disponibile al Besta e al Niguarda di Milano
angiografia_ictus-5cb83ff2e86f846aa1ee2fd9c48a1449.jpg (ANSA) – MILANO, 26 GEN – Un nuovo apparecchio per la risonanza magnetica consente di calcolare la percentuale di rischio dei pazienti che potrebbero avere un ictus. Lo strumento e’ da oggi a disposizione della Fondazione Istituto Neurologico Besta di Milano e dell’ Ospedale di Niguarda. Si chiama MRI-NOVA ed e’ in grado di fare una angiografia quantitativa senza bisogno di introdurre un catetere nelle arterie interessate.

…il freno è sempre la sanità pubblica. Il collo di bottiglia sta nella gestione della sanità pubblica e di quella privata convenzionata, poiché quella privata non convenzionata elargisce servizi a fronte di ingenti sborsi da parte di super-benestanti.

Questo nuovo tipo di risonanza magnetica calcola la percentuale di rischio: è, quindi, per fare prevenzione. Che cosa dire in proposito? E’ eccellente! Di contro, si scopre che vi sono code lunghissime anche per comuni visite specialistiche; anzi, più sono comuni più pazienti ne dovranno usufruire e più lunga è la coda per colpa di un unico apparecchio medico presente nell’ambulatorio ospedaliero, un unico medico a effettuare le visite mediche, un’unica infermiera professionale a segure le procedure della visita in corso.

La potenzialità dell’apparecchio per scopi di prevenzione è tanto maggiore quanto minore è il lasso di tempo dalla prenotazione, quanto capillare è la diffusione dell’apparecchio innovatore, quanto più numerosi sono i medici capaci di utilizzarlo al meglio, quanto più numerosi sono i dati che verranno utilizzati per stilare le statistiche a fini medici. Qualità al momento presenti non in tutti i centri ospedalieri d’Italia.

Medicina italiana all’avanguardia ma…ultima modifica: 2009-01-26T14:55:04+01:00da blog2blog
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento