Fede cristiana accettata se accomodante.

Fonte.

» 2008-12-17 18:10
Italiani cattolici ma a modo loro
Si dice cattolico l’89% ma la meta’ non sceglie secondo la fede
italiani_cattolici-79c8f301778b69219b19134ce8c88ba6.jpg (ANSA) – ROMA, 17 DIC – L’89 per cento degli italiani si dice religioso e cattolico, ma a modo loro, sostiene un sondaggio tedesco. Il 44% si dice ‘profondamente’ cattolico ma nelle scelte quotidiane, dalla sessualita’ all’educazione, la maggior parte si riconosce solo parzialmente nelle posizioni ufficiali della Chiesa. Uno studio della fondazione tedesca Bertelsmann Stiftung registra che la maggioranza dei cristiani italiani vive la fede entro una sfera sia pubblica che privata.

L’89% degli italiani ha una propria idea di cristianità; non professa una fede cristiana, più che altro segue i propri dettami sul tema di che cosa significa essere cristiani, ignorando quelle che sono le posizioni della Chiesa Cattolica. Ad es.


Panorama, 1 settembre 2006

Per la larga maggioranza degli intervistati (circa l’83 per cento) il Parlamento deve discutere nuove norme di legge sull’eutanasia. E quasi 2 italiani su 3 sono favorevoli al ricorso all’eutanasia, almeno in alcuni casi. Gli assolutamente contrari sono poco più del 30 per cento..


Ciò riflette la condizione di compromessi che l’essere umano persegue per il raggiungimento del suo status quo. A concorrere a questo modo di socializzare c’è la classificazione, nei primi stadi, e poi la discriminazione attuata verso coloro che tentano di portare il messaggio di Cristo nella vita pubblica. La conseguenza è un ammorbidimento delle posizioni assunte dalla Chiesa per non essere derisi, emarginati e considerati anacronisti: <<il Vangelo è una storiellina simpatica>>, <<il Vangelo è stato scritto duemila anni fa…per gli uomini di quel tempo>>, e così via, ti dicono con sfacciata sicurezza, incanalandoci verso la confusione tra i termini sociale e fede.

Fede cristiana accettata se accomodante.ultima modifica: 2008-12-17T21:24:41+01:00da blog2blog
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento