Per la Sanità nuovi investimenti, non tagli.

Fonte.

» 2008-12-01 15:40
Tumori: radioterapia in 3 minuti
Sistema collegato ad un acceleratore di particelle
radioterapia_3minuti-82725756116a2b9c56e72a9de234b5c2.jpg (ANSA) – ROZZANO (MILANO), 1 DIC – Un sistema collegato ad un acceleratore di particelle permette di effettuare una radioterapia in 3′ anziche’ in 20-40′. Il sistema ‘RapidArc’ permette di effettuare trattamenti a intensita’ modulata (IMRT) irradiando con estrema accuratezza e precisione anche lesioni molto piccole. Fino ad oggi la tecnica e’ stata utilizzata su lesioni tumorali e metastasi localizzate nella testa e nel collo, a livello della prostata, nella zona dell’ano-retto.

La spesa nella Sanità va aumentata per permettere l’utilità di queste nuove tecnologie per tutti i cittadini che hanno necessità di ricorrervi. Gli investimenti finanziari da parte dello Stato devono andare nella direzione di capillarità delle nuove frontiere offerte dalla medicina.

Aumentare la spesa nella Sanità, anche se è già elevata, non è, in questo caso, uno spreco dato l’iinnegabile beneficio. Quando le strutture sanitarie, quindi non solo gli ospedali delle grandi metropoli, disporranno di queste attrezzature a beneficio di tutti i cittadini?

 Manco a dirlo….


Fonte.

» 2008-12-01 16:39
Camera: posta fiducia su dl sanita’
Provvedimento scade il 6, prevede anche fondi per Roma e Catania
sanita_fiducia_decreto-aca9b87d3ce4956d20492e212623a166.jpg (ANSA) – ROMA, 1 DIC – Il governo pone la questione di fiducia alla Camera sul decreto legge con le disposizioni urgenti per il contenimento della spesa sanitaria. Il provvedimento riguarda anche le regolazioni contabili con comuni, province e regioni. Il testo, che e’ stato gia’ approvato dal Senato, scade venerdi’ 6 dicembre e comprende, fra l’altro, l’assegnazione straordinaria di fondi per i comuni di Roma e Catania. L’annuncio della fiducia e’ stato dato a Montecitorio dal ministro Elio Vito.
Per la Sanità nuovi investimenti, non tagli.ultima modifica: 2008-12-01T18:33:00+01:00da blog2blog
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento